Francesca D'Amico | Psicologa • Psicoterapeuta

Piacere femminile, finalmente!

Tra uomini e donne esistono palesi differenze socioculturali e biologiche che hanno fatto sì che la sessuologia femminile incontrasse notevoli ritardi nel suo studio. In tale ambito non possiamo omettere il forte peso che, soprattutto nel nostro paese, ha avuto la presenza della Chiesa, una sorta di rallentamento che non ha giocato a favore del lineare cammino dell’emancipazione femminile, all’insegna di una giusta appropriazione di una libera sessualità per le donne. Sono stati necessari diversi anni perché si ponesse il focus dell’attenzione sulla sessualità femminile, ed in particolar modo sulla sfera del piacere.

Le Marais, Parigi, 9 giugno 2018

Uno studio effettuato su un campione di 1200 italiane, uscito proprio in questo mese, ha permesso alle donne di interrogarsi ed approfondire tale tema. La ricerca, la prima di così ampia portata avente come campione donne dai 18 ai 50 anni, ha offerto un quadro dettagliato della condizione attuale delle donne italiane. 

L’orgasmo

L’orgasmo femminile, come tutto ciò che concerne il piacere sessuale, è un fenomeno essenzialmente psicosomatico ed è regolato non solo a livello genitale, ma anche a livello centrale e pertanto condizionato da emozioni, pensieri, convinzioni, vissuti e significati. Lo studio italiano ci informa che il 92% delle intervistate lo ha provato (finalmente!), ma che le modalità per raggiungerlo sono molteplici, come a significare che ogni esperienza orgasmica sia un mondo a sé e che le modalità di arrivare all’acme del piacere possono percorrere strade diverse di volta in volta. Quello che lo studio evidenzia con chiarezza è che una donna su due non riesce a raggiungere l’orgasmo con la sola penetrazione, ma necessita spesso anche di altri tipi di stimoli. La ricerca sfata anche alcuni tabù riguardanti le donne: il 52% delle intervistate afferma di aver sperimentato il rapporto anale ed l’84% afferma di aver praticato l’autoerotismo almeno una volta nella vita.  Questo è ciò che viene osservato anche nella pratica clinica quotidiana, ponendo un punto di vista più aperto sulle diatribe tra orgasmo vaginale e clitorideo e lasciando una maggiore liberta di espressione corporea.  

Il contributo della relazione

Appare in modo netto come le donne distinguano tra la soddisfazione pura e la sessualità vissuta in chiave relazionale, preferendola di gran lunga, tanto che il 62% sceglie come elemento fondamentale per una relazione sessuale soddisfacente il coinvolgimento emotivo e solo  il 7,3%  mette al primo posto le dimensioni del partner. Questi dati vanno a completare e confermare quelle teorie sulla risposta sessuale femminile basate sulla centralità dell’intimità. Nella donna il desiderio è più frequentemente attivato quando viene soddisfatta la sua esigenza di intimità emotiva, ciò concorda sul fatto che la risposta sessuale non è un’entità separata né una sequenza lineare di eventi, ma necessita di una integrazione tra piano fisico, emotivo e relazionale.

Le Baiser, A. Rodin.
Musée Rodin, 7 giugno 2018, Parigi

La verità è che non esiste un pulsante  da premere all’interno della donna con il successivo piacere e godimento. Chi interpella migliaia di pagine internet sul tema troverà solo dettagliate spiegazioni mansionali su come massaggiare al meglio e creare orgasmi epici in sole poche mosse, ma rimarranno pervase da frustrazione tutte le donne che desiderano fare del proprio corpo un campo di piacere e, non riuscendoci, ne ricavano senso di inadeguatezza.

Oggi più che mai le donne iniziano ad essere consapevoli della loro corporeità, delle diverse strade che le portano al raggiungimento dell’orgasmo, della componete emotiva che gioca un ruolo fondamentale nel piacere sessuale. Tuttavia devono avere qualche piccolo accorgimento: l’obiettivo dell’orgasmo posto davanti al piacere fa vivere come una performance ogni carezza, ogni bacio e ogni penetrazione. Raggiungere il picco del piacere è magnifico, ma godersela anche per tutto il viaggio è tutta un’altra cosa! In quel tragitto ogni donna scopre molto di se stessa, ma non solo, anche del proprio partner: entra in contatto con ciò che la fa fremere e con l’autenticità del piacere stesso, scopre quale limite sente di abbattere e quale desidera mantenere, il tabù da infrangere e i desideri segreti da svelare o mantenere, senza miti, moralismi o modelli, dove il proprio corpo, e le proprie emozioni, sono totalmente erotizzabili.

Dott.ssa Francesca D’Amico

Psicologa-Psicoterapeuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp

FIDATI DI ME

A tutti nella vita capita di attraversare momenti di difficoltà, delle battute di arresto che ci fanno sentire inadeguati ed indifesi. 
Spesso si tratta di un periodo di stallo dovuto a circostanze esterne che la persona fatica ad affrontare, in altre circostanze può trattarsi di un disagio più profondo che, nonostante da tempo si cerchi di superare, da soli, non si riesce a vincere.
Una volta riappropriato del suo potere attraverso un percorso psicologico, la persona è in grado di riprendere il proprio cammino in maniera autonoma: per questo motivo non effettuo terapie infinite. 

Penso che uno psicologo debba avere dei campi di specializzazione e non improvvisarsi in qualsiasi ambito.
Attraverso il mio percorso di studi e professionale, possiedo esperienza clinica per problemi di gestione dell’ansia e dello stress, disturbo depressivo, problemi di coppia e dipendenza.
Da anni mi occupo di disagio adolescenziale e sostegno alla genitorialità, convinta che il supporto dell’uno senza l’altro, porti in un vicolo cieco. La famiglia deve essere una risorsa fondamentale nella crescita di un figlio da cui non si può prescindere, ed è proprio lì che è necessario investire se desideriamo evitare di continuare a parlare di disagio e patologia.

Credo fortemente che decidere di intraprendere un percorso di consapevolezza psicologica sia sinonimo di grande forza personale: nella vita tutti abbiamo dei problemi, dallo psicologo decide di andare chi ha deciso di affrontarli.

brain-2

PSICOTERAPIA

Se da diverso tempo stai attraversando un pervasivo disagio e malessere psicologico che invalida, in maniera significativa, la tua vita e le tue relazioni, potresti beneficiare  di questo aiuto per ristrutturare la tua persona.

La psicoterapia è un percorso di trattamento dei disturbi psicologici che si realizza attraverso una una serie di incontri con uno psicoterapeuta. Il suo scopo è promuovere un cambiamento tale da alleviare, in modo stabile, alcune forme di sofferenza emotiva. Questo trattamento favorisce la riattivazione di quelle aree che sono rimaste inutilizzate o poco sviluppate, favorendo un funzionamento interno più naturale ed appagante. 

Il ruolo del terapeuta è quello di agevolare il cambiamento della persona, creando un clima di empatia, accettazione e responsabilizzazione, che faciliti l’autorganizzazione della persona.

La psicoterapia aiuta a spezzare quei circoli viziosi di tonalità negativa che allagano il vissuto di molti ed è volta ad aiutare la persona ad affacciarsi ad una conoscenza più profonda delle dinamiche relazionali che la circondano. 
Pensare ad essa solo in termini di disagio, tuttavia, non rende giustizia alla complessità che questo percorso attua. Rappresenta una grande opportunità di crescita personale, un cammino che porta ad una maggiore consapevolezza del proprio modo di essere e funzionare, diventando capaci di operare scelte coraggiose in direzione della propria realizzazione. 

La psicoterapia aiuta le persone a vivere meglio.

TERAPIA DI COPPIA

Nel momento in cui la coppia, da sola, non riesce ad uscire da un momento di forte crisi e problematicità, un valido mezzo di aiuto è quello di ricorrere ad un percorso di terapia di coppia.
Questo tipo di intervento prevede il coinvolgimento di entrambi i partner che, rivolgendosi ad un professionista qualificato, danno voce ai loro pensieri e sentimenti. 

Il focus di intervento è la relazione stessa ed i cambiamenti che possono essere messi in atto per renderla più fluida.
In tale percorso è importante dare alla coppia una nuova chiave di lettura della situazione critica che stanno vivendo, in modo tale da mettere in atto nuove strategie per dialogare. E’ fondamentale, da parte di entrambi, dare libero sfogo a pensieri ed emozioni in modo da identificare e chiarire le aree di disagio. 

Il terapeuta è un mediatore e facilitatore per la coppia, che aiuta a ripristinare il benessere generale in modo da vivere la relazione in maniera appagante. 
Spesso la tempistica con la quale ci si rivolge ad un professionista non è celere e ci si trova a lavorare su situazioni che da lungo tempo navigano in acque incerte e turbolente. E’ buona prassi non lasciare sedimentare a lungo conflitti, frustrazioni e dinamiche disfunzionali, ma chiedere aiuto in maniera tempestiva per non far fossilizzare scomodità e disagi.

All’interno di questo percorso è importante che la coppia impari a salvaguardare un proprio spazio ed una propria realtà, acquisisca maggiore conoscenza e consapevolezza di sé, dell’altro e delle dinamiche interpersonali. 
Affrontare questo cammino per la coppia, in crisi conclamata e non, significa apprendere degli insegnanti per riconoscere l’esistenza di due verità, ascoltare l’altro in modo attivo, creare un luogo ed un tempo per il “noi”.

La terapia di coppia porta alla costruzione di un relazione efficace, capace di stabilire nuovi obiettivi e giungere ad un dinamico equilibrio.

gender

CONSULENZA PSICOSESSUALE

La sfera della sessualità e delle sue derivanti problematiche, emerge dall’intreccio di tre distinti, seppur correlati, sistemi: fisico, psicologico e relazionale. Il ripristino dell’armonico equilibrio fra queste aree assicurerà alla persona, ed alla coppia, una soddisfacente ed appagante attività sessuale.

E’ un aspetto centrale per tutta l’arco di vita e comprende non solo il sesso, ma anche l’orientamento sessuale, le identità ed i ruoli di genere, l’erotismo, l’intimità e la riproduzione, senza dimenticare il piacere. 

La consulenza sessuale è un’attività capace di aiutare le persone in difficoltà ad assimilare le loro conoscenze e trasformarle in stili di vita soddisfacenti e, soprattutto, responsabili.
In base ai dati emersi in sede di consulenza può essere necessario mettere in atto una terapia sessuale centrata alla risoluzione della problematica.

Il primo passo necessario da effettuare in campo di disturbi  sessuali è senza dubbio quello di comprenderli ed accettarli, con uno sguardo propositivo volto alla risoluzione. Quale miglior aiuto se non la consulenza psicosessuale?

SOSTEGNO PSICOLOGICO

Ad ognuno di noi può capitare di affrontare, nel proprio percorso, momenti difficili, periodi di disagio e fasi critiche.
Ci si sente come derubati delle nostre abilità personali di far fronte alle problematiche che la vita ci propone.
Tutto di un tratto possiamo sentirci inadeguati e poco capaci di prendere decisioni importanti, con la diretta conseguenza di una grande frustrazione personale che allaga pesantemente.

Per affrontare questi momenti può essere utile un sopporto professionale che ti aiuti a mettere a fuoco, di nuovo, le tue risorse ed il modo più adatto per uscire dalla condizione di impasse che ti ha avvolto.

Con il sostegno psicologico posso aiutarti a far luce e ritrovare le possibili soluzioni per il momento che stai vivendo, che si tratti di una fase critica di cambiamento personale, professionale, scolastico, o se ti trovi a far fronte a scelte decisive.
Si tratta di un intervento limitato nel tempo, volto ad aiutarti a superare situazioni di blocco. Interviene direttamente a rinforzare le tue risorse con l’obiettivo di dare supporto e alimentare un processo di crescita basato sull’incremento della stima e dell’autodeterminazione per far emergere risorse latenti, riportandoti consapevolmente al tuo empowerment.

E’ importante avvalersi del sostegno psicologico guardando alla crisi come una grande opportunità di miglioramento personale e consolidamento della fiducia in te stesso.